5 trucchi per cucinare i legumi secchi

5 trucchi per cucinare i legumi secchi

Ceci, lenticchie, fagioli, fave, lupini: i legumi occupano un ruolo importante nella piramide alimentare e non andrebbero esclusi dalla propria dieta. E poi sono gustosissimi, capaci di diventare protagonisti di tante ricette buone e sane allo stesso tempo.

Se i legumi in scatola sono una soluzione facile, veloce e comoda, quelli secchi sono più calorici e proteici; e, nonostante l’essicazione comporti la perdita di alcune vitamine, i minerali come il fosforo e il ferro aumentano. Ancora, sono ricchi di amido e poveri di grassi. Insomma, i legumi secchi sono un toccasana per la salute. Sapete come cucinarli?

Ecco 5 trucchi per preparare i legumi

  1. Innanzitutto, i legumi devono essere accuratamente lavati in acqua corrente. Così facendo, si eliminano le impurità ed eventuali conservanti.
  2. Mettete i legumi in ammollo in acqua per almeno 12 ore, preferibilmente con un cucchiaino di bicarbonato. In questo modo si ammorbidiranno, mentre eventuali antimicotici usati dall’industri verranno rimossi.
  3. Cucinate i legumi in acqua che sia almeno tre volte il loro volume, valutando se aggiungerne altra durante la cottura (purché sia calda e venga unita poco per volta). La cottura dovrebbe iniziare con acqua e legumi a freddo, per poi proseguire, al primo bollore, a fiamma dolce.
  4. Usate recipienti adatti a cotture prolungate, quindi a fondo basso oppure di terracotta.
  5. Ultimo segreto: il sale e altri ingredienti come il pomodoro e l’aceto vanno aggiunti soltanto alla fine, a cottura ultimata.

Share this post