Burro in cucina: gli errori da non fare

Burro in cucina: gli errori da non fare

Uno degli ingredienti più usati in cucina è sicuramente il burro, chiave del successo di molte ricette sia dolci che salate. Oltre a essere un ottimo aggregante, il burro è capace di insaporire e impreziosire ogni piatto: spesso ne basta una noce per donare ricchezza e profondità a una pietanza altrimenti anonima.

Consumare troppo burro non è salutare, ma non è necessario rimuoverlo completamente dalla propria alimentazione, a meno che non si soffra di patologie o intolleranze particolari. L’importante è farne un uso moderato e prestare attenzione ad alcuni dettagli durante la cottura.

Gli errori da non fare quando si cucina con il burro

Cuocere il burro alla temperatura sbagliata.

La temperatura di utilizzo del burro è fondamentale: un burro a temperatura elevata sarà troppo molle, mentre un burro freddo non riuscirà ad amalgamarsi all’impasto. L’ideale è quindi usare il burro a temperatura ambiente, quando la sua consistenza è compatta ma può comunque essere tagliato e spalmato con una certa facilità.

Se, per la vostra ricetta, serve del burro sciolto sul fornello, meglio usare il burro chiarificato, che ha un punto di fumo più alto. In questi casi è inoltre importante anche la temperatura degli altri ingredienti. Se per esempio dovete rosolare della carne in padella con il burro, fate attenzione che non sia troppo fredda: raffredderebbe immediatamente il burro.

Sostituire il burro in modo improprio.

Si potrebbe essere tentati di sostituire il burro con altri ingredienti, magari con l’intento di essere più salutari. Tuttavia, il risultato non sarebbe certamente lo stesso. Al massimo, potreste usare l’olio extravergine di oliva al posto del burro, anche se, soprattutto nel caso di torte e altri dolci, il vostro impasto sarà più untuoso e meno compatto.

Aggiungere il burro nel momento sbagliato.

Il motivo per cui il burro è così buono è anche il motivo per cui non è ideale per le cotture ad alte temperature: la caseina, che gli conferisce un sapore gustosissimo, brucia molto rapidamente. Per questo, il burro andrebbe aggiunto a fine cottura, soprattutto nel caso di carni scottate, frutti di mare e verdure. Il burro non si brucerà e conferirà alla pietanza un bel colore dorato e un delizioso aroma simile alla nocciola.

Non bilanciare il burro con altri sapori.

Come ben saprete, il burro è grasso. Nel caso di preparazioni salate, è bene bilanciare il suo sapore, smorzandolo con ingredienti acidi come il succo di limone o l’aceto. Ovviamente senza dimenticare il sale.

Share this post