Cinque alimenti che causano gonfiore addominale

Cinque alimenti che causano gonfiore addominale

Quante persone, solo in Italia, soffrono di tensione addominale?
Probabilmente davvero molte.

La soluzione è sempre quella di farsi prima vedere dal proprio medico per scartare la possibilità di patologie particolari.

Nella vita di tutti i giorni, tuttavia, provare a ridurre il gonfiore in maniera naturale è possibile. Per prima cosa, infatti, è bene eliminare o ridurre l’assunzione di alcuni determinati alimenti.

Di seguito cinque cibi da tenere sotto controllo.

Il sale.
Il sodio, e quindi il sale, favorisce la ritenzione idrica e il gonfiore di stomaco.
Ridurre e controllare il consumo di sale è importantissimo se si soffre di pressione alta, poiché il sodio tende anche ad alzare la pressione sanguigna.

Bibite gassate.
Potrebbe essere ovvio, ma spesso ci si dimentica che anche quello che si beve è importante al fine di una corretta salute fisica. A queste, preferite succhi di frutta naturali oppure tisane.

Alimenti ricchi di grassi.
Cibi grassi, come insaccati o fritture, possono risultare non solo calorici ma anche difficili da digerire. Questa difficoltà comporta un conseguente gonfiore addominale. Esistono, però, alimenti considerati grassi, perché ne contengono, che provocano un senso di sazietà o altri effetti negativi. Un esempio è il cioccolato fondente.

Verdure crucifere.
Cavolo cappuccio, broccoli e cavolfiori sono preziosi alleati per la salute, ma attenzione alle quantità perché possono provocare gas. Batteri buoni dell’intestino, entrando in contatto con questi alimenti, liberano metano. Da qui gonfiore e dolore addominale.

I fagioli.
Nel nostro elenco non potevano mancare.
Forse tra i cibi più associati al gonfiore addominale.
Come per il punto precedente, anche quest’ultimi, sono un importante elemento all’interno dell’alimentazione ma è necessario stare attenti alla quantità ingerita.

Insomma, via libera a un’alimentazione sana e varia ricca di frutta e verdura, stando sempre attenti a quantità e tipologia di cibo ingerito.

 

#RossettoBlog

Share this post