Come riutilizzare le bucce di arance e agrumi

Come riutilizzare le bucce di arance e agrumi

 

Dicembre è arrivato, e con lui gli agrumi: arance, mandarini, pompelmi, limoni…  a rallegrarci con i loro colori, a inebriarci con i loro profumi e, perché no, a difenderci dai malanni di stagione. Ma di utile, e di utilizzabile, negli agrumi non c’è solo la polpa e la vitamina C! Se fino ad oggi li sbucciavate gettando via la scorza, sappiate che questa parte che pensavate inutile può essere riutilizzata in modo creativo. Eccovi alcune idee per riutilizzare, creare, sperimentare e soprattutto… riciclare con ingegno le scorze degli agrumi!

INFUSO DI SCORZE DI ARANCE
Ingredienti: lo scarto di 2 spremute
Preparazione: Raschiate la parte bianca dalle mezze arance, sciacquatele e asciugatele. Tagliatele a julienne e disponetele su un panno sul termosifone (del resto sono di stagione esattamente come le arance), in alternativa essiccate le scorze con un essiccatore domestico. Quando avranno perso tutta l’umidità conservatele in un vasetto di vetro e utilizzatene un cucchiaino per ogni tazza per preparare un infuso fresco e profumato, rilassante e digestivo.

SCORZE CANDITE
Ingredienti: lo scarto di 2 spremute, 300g zucchero grezzo di canna
Preparazione: Tagliate a striscioline sottili le scorze d’arancia. Buttatele in acqua calda e fatele cuocere fino a che non sono morbide. Scolatele, pesatele e calcolate lo stesso peso di zucchero. Fate fondere lo zucchero in un po’ d’acqua e aggiungete le scorze d’arancia. Mescolate, togliete dal fuoco e fate raffreddare. Una volta preparate le scorze candite, per renderle ancora più golose intingetele per metà nel cioccolato fondente e lasciate raffreddare.

MOSTARDA DI ARANCE
Ingredienti: lo scarto di 2 spremute, 200g zucchero bianco, 6 gocce di senape
Preparazione: Tagliare le mezze arance a spicchi,  mettetele in una pentola coperta di acqua fredda e portate ad ebollizione. Lasciate bollire per 15 minuti a fuoco basso. Scolate le arance. Quando si saranno raffreddate rimettetele in pentola con lo zucchero e coprite completamente d’acqua. Lasciate cuocere fino a quando lo sciroppo si sarà ridotto della metà. Suddividete la mostarda nei vasetti di vetro sterilizzati e completate con le gocce di senape. Chiudete i vasetti e capovolgeteli. Lasciateli riposare capovolti fino a quando saranno completamente freddi. Aspettate almeno una settimana prima di consumarla. Si abbina benissimo con i formaggi stagionati.

CANDELE
Se vogliamo condividere con amici o con dei bambini un’attività creativa possiamo incidere la pelle del mandarino lungo la circonferenza, quindi rimuovere la metà di buccia superiore senza romperla. Avremo così una mezza buccia vuota e una mezza buccia piena di spicchi interi. Rimuoviamo gli spicchi senza rompere i filamenti bianchi al centro. Nella metà senza stoppino ritagliare un foro decorativo, ad esempio a forma di stella. Riempire la metà con lo stoppino con olio di oliva, in modo che lo stoppino sporga dal livello dell’olio per circa 5 mm. Date fuoco allo stoppino poi mettete la seconda metà del mandarino sulla nostra candela. Bellissima e profumatissima attività natalizia.

Share this post