I benefici delle verdure a foglia verde

I benefici delle verdure a foglia verde

 

Essere consapevoli dell’importanza e dei benefici delle verdure a foglia verde è necessario per mantenere una buona salute e un buono stile di vita alimentare. Sentiamo spesso parlare delle cosiddette “verdure a foglia verde” ma siamo sicuri di conoscerle veramente?
Con verdure a foglia verde intendiamo tutte le piante di cui possiamo mangiare le foglie e i gambi. Alcune di esse sono largamente coltivate, altre sono selvatiche e spontanee, mentre altre sono semplicemente poco conosciute o sottovalutate.

Quali sono le verdure a foglia verde? Probabilmente la maggior parte di noi conosce le più famose: bietola, rape, cicoria e spinaci. A queste va aggiunto il cavolo nero, considerato in molti paesi un superfood, specialmente per il suo apporto di potassio. Il cavolo nero è un’ottima fonte di vitamine A, C, e K, e ha una buona quantità di calcio e magnesio. Altri cavoli a foglia sono la verza, il cappuccio rosso, il cappuccio verde e il cavolo cinese, tutti ideali anche a crudo. È da citare anche la lattuga, da mangiare sia cruda che come verdure cotta. Ad essa si aggiungono la saporitissima rucola e l’indivia.

In termini di valori nutrizionali, il crescione è considerato tra le migliori verdure a foglia verde: è ricco di vitamine, soprattutto C, B2, PP ed E, e sali minerali, in particolare ferro, fosforo, manganese, zinco, rame, iodio e calcio, per questo aiuta a disintossicarsi dal fumo e da smog.
Tra le erbe spontanee troviamo il tarassaco che, con le sue proprietà depurative e antinfiammatorie, è un ottimo alleato nella cura delle malattie legate al fegato. Una pianta ricchissima di clorofilla è l’ortica, ricca di acido folico e ferro, e utilizzata in caso di anemia, artrite e cistite. Sempre tra le selvatiche abbiamo il farinaccio bianco, ricchissimo al contempo di acido ascorbico e betacarotene. Molte piante coltivate e vendute per la radice hanno delle foglie edibili e molto utili per la salute: come non citare le foglie di ravanello, di carota, di daikon, della barbabietola, del rafano.

Quali sono dunque i benefici? Sono ricchissime di fibra alimentare, fondamentale nella funzione di ripulire i dotti instestinali e le coronarie. Un regolare consumo di verdure a foglia verde, infatti, rappresenta un grande aiuto per il buon funzionamento dell’organismo e il mantenimento della salute.
La clorofilla, invece, è un pigmento verde importantissimo per supportare il lavoro del fegato, per aumentare la produzione di globuli rossi, apporta molto ferro e contribuisce all’assorbimento del calcio nelle ossa. Ha inoltre numerosissime funzioni secondarie, come il miglioramento dell’ossigenazione cellulare, una riduzione della massa grassa e un miglioramento delle condizioni in caso di diabete.

Insomma, ora che conosciamo i reali benefici delle verdure a foglia verde proviamo a includerle con maggiore regolarità nella nostra dieta e ne beneficeremo sicuramente!

Share this post