Pesche: tipi, valori nutrizionali e proprietà

Pesche: tipi, valori nutrizionali e proprietà

La pesca, il cui nome scientifico è Prunus Persica, è un frutto tipicamente estivo, succoso, profumato, dolcissimo e, non a caso, molto amato. Sapevate che in Cina (dove è coltivata da ben 5000 anni) la pesca è considerata simbolo di lunga vita e immortalità?

Le pesche sono diffusissime in Italia e, a seconda della zona e della varietà, la loro raccolta avviene da maggio a settembre. Infatti, esistono tre tipologie di questo frutto:

  • la pesca a polpa gialla o bianca, con la buccia molto sottile e vellutata;
  • la pesca nettarina o noce, caratterizzata da una consistenza molto soda;
  • la percoca, dalla polpa consistente, capace di durare a lungo nel tempo e per questo apprezzata nell’industria alimentare conserviera.

Qualunque sia la varietà che preferite, le pesche sono gustose e salutari, e vi consigliamo di fare il pieno da qui fino alla fine della stagione estiva!

Scopriamo di più sulle pesche.

Calorie e valori nutrizionali delle pesche

100 g di pesche contengono 103 calorie. Inoltre, nella stessa quantità di prodotto abbiamo:

  • 90,7 g di acqua
  • 6,1 g di carboidrati
  • 0,8 g di proteine
  • 0,1 g di grassi
  • 1,6 g di fibra
  • Vitamina A, C, K, folati
  • Potassio, fosforo, calcio, magnesio, sodio, fluoro, ferro, zinco

 Proprietà delle pesche

Grazie all’abbondante quantità di acqua, ma anche per via del contenuto di potassio, le pesca è uno dei frutti migliori ad azione diuretica e depurativa, in quanto stimola la funzionalità epatica e renale dell’organismo. Inoltre, il potassio ha proprietà vasodilatatrici e quindi svolge un ruolo molto importante per l’apparato cardiocircolatorio.

Essendo ricca di minerali, la pesca è rimineralizzante e ricostituente, risultando particolarmente utile nelle giornate calde in cui aumenta la sudorazione e si perdono liquidi e altre sostanze preziose che devono essere reintegrati attraverso l’alimentazione.

La pesca è consigliata nei casi di disturbi dell’apparato digerente, perché è facilmente digeribile, aiuta contro la stitichezza e stimola la secrezione dei succhi gastrici.

Grazie al discreto contenuto di vitamina C, questo frutto supporta anche il sistema immunitario, di cui potenzia l’attività di difesa da agenti patogeni esterni.

Infine, la pesca è un frutto molto ricco di sostanze antiossidanti, caratteristica che la rende fondamentale nel contrastare lo stress ossidativo che deriva dall’azione dei radicali liberi. In altre parole, essa rallenta l’invecchiamento cellulare e contribuisce alla prevenzione di diverse patologie croniche, anche gravi.

Curiosità sulle pesche  

Le pesche contengono un nocciolo molto duro nel quale è racchiuso il seme. Questo seme è ricco di una sostanza tossica, simile al cianuro, che la pianta produce per evitare che venga mangiato dagli animali per garantirsi una discendenza.

Questi frutti sono ben digeribili anche se il consiglio resta, come per tutta la frutta, di esser consumata lontano dai pasti per evitare fermentazioni e gonfiori.

Alcune persone sono allergiche alla peluria delle pesche e quindi non possono avvicinarle né tanto meno mangiarle.

Share this post